https://www.pianooperativosicurezza.com/immagini_news/21-01-2019/1548078363-385-.jpg

21 gen 2019

Piano Operativo Sicurezza per Ditta Individuale

La redazione del Piano Operativo di Sicurezza è un obbligo per l’impresa esecutrice dei lavori, ma cosa cambia se il lavoro viene svolto da una ditta individuale senza dipendenti, cioé da un lavoratore autonomo?

Piano Operativo Sicurezza per lavoratore autonomo o ditta individuale

Tale obbligo, a prima vista potrebbe sembrare un’operazione limitata alle grandi aziende che operano in cantiere complessi e quindi molteplici aziende potrebbero pensare di non dover sottostare a questo tipo di onere.

Vediamo, quindi, che cosa indica la legge sull’obbligo del piano operativo di sicurezza relativamente alle aziende senza dipendenti.

registrazione pos

L’obbligo del Piano Operativo di Sicurezza per lavoratori autonomi

La questione è molto complessa e dibattuta in quanto non è riportata una risposta univoca e chiara dalla norma. Leggendo gli articoli del Testo Unico sulla Sicurezza e ragionando sulle indicazioni fornite si può però arrivare ad una risposta.

Per capire meglio citiamo il D.Lgs 81/08 con il suo art.96 comma 1 lett. g nel quale viene indicato che i datori di lavoro delle imprese affidatarie e delle imprese esecutrici, anche nel caso in cui nel cantiere operi una unica impresa, anche familiare o con meno di dieci addetti, devono redigere il piano operativo di sicurezza di cui all’articolo 89, comma 1, lettera h).

Leggendo invece l’art. 21 i lavoratori autonomi sono equiparati all’impresa familiare e quindi dovrebbero adempiere agli stessi obblighi, tra cui la stesura del proprio Piano Operativo di Sicurezza.

Per avere un’indicazione più esplicita rimandiamo però all’art. 100 comma 3 in cui si riporta che i datori di lavoro delle imprese esecutrici e i lavoratori autonomi sono tenuti ad attuare quanto previsto nel piano di cui al comma 1 e nel piano operativo di sicurezza; di conseguenza appare chiaro che se i lavoratori autonomi sono tenuti ad attuare quanto previsto nel piano operativo di sicurezza è evidente che debbano redigerlo.

In conclusione, secondo quanto precedentemente riportato, a nostro avviso è opportuno che ogni lavoratore autonomo prima dell’ingresso in cantiere rediga un piano di operativo di sicurezza secondo i contenuti minimi previsti dall’allegato XV per i punti applicabili ai lavoratori autonomi stessi tenendo conto del PSC (se presente).

Naturalmente il Piano Operativo di Sicurezza per un lavoratore autonomo sarà molto semplificato in quanto molti punti riportati nei contenuti minimi non dovranno essere compilate. Non saranno presenti naturalmente i nominativi degli addetti al primo soccorso, all’antincendio e alla gestione delle emergenze, il nominativo del RLS, del medico competente, del RSPP e dei responsabili di cantiere.

registrazione pos