https://www.pianooperativosicurezza.com/immagini_news/28-12-2018/1545996318-284-.jpg

28 dic 2018

Piano Operativo Sicurezza per Cantiere Edile

Uno dei documenti più importanti che un datore di lavoro dovrà redigere prima dell’inizio di un cantiere edile è il Piano Operativo di sicurezza o POS. Il Piano Operativo Sicurezza per Cantiere Edile è, infatti, non solo un documento obbligatorio richiesto dalla D.Lgs.81/2008, ma anche uno strumento utile a tutelare al meglio i lavoratori dipendenti durante le lavorazioni da eseguire nel cantiere.

registrazione pos

Chi redige il Piano Operativo Sicurezza per Cantiere Edile

Come prima cosa bisognerà capire a chi spetta la redazione del Piano Operativo Sicurezza.

La norma a questo proposito è chiara ed infatti il Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs.81/2008) specifica che dovrà essere il datore di lavoro ad occuparsi della redazione del POS per i cantieri.  Il datore di lavoro potrà essere comunque coadiuvato da un professionista o da un software per l’elaborazione del Piano Operativo Sicurezza,che dovrà essere completato prima dell’inizio dei lavori e conservato in cantiere assieme agli altri documenti necessari (corsi di formazione, visite mediche, etc).

 Per lavori pubblici, la redazione del P.O.S. dovrà avvenire rispettando le tempistiche descritte dall’ articolo 131 del D.Lgs. 163/2006.

La legge infatti specifica che entro trenta giorni dall'aggiudicazione, e comunque prima della consegna dei lavori, l'appaltatore od il concessionario, redige e consegna ai soggetti di cui all'articolo 32 “il vincitore o il concessore dell’appalto deve redigere il Piano Operativo di Sicurezza del cantiere edile entro trenta giorni dall’aggiudicazione”.

registrazione pos

Cosa accade se non si redige il Piano Operativo Sicurezza per Cantiere Edile

In primo luogo vi è da mettere la sicurezza del cantiere. Un Piano di Operativo di Sicurezza realizzato con criterio, analizzando le lavorazioni da eseguire ed i rischi susseguenti può dare importanti indicazioni sulle misure preventive e protettive e di miglioramento della sicurezza aziendale (come ad esempio dei particolari dispositivi di protezione individuale o delle particolari procedure di organizzazione del cantiere). Un cantiere non oggetto di Piano Operativo Sicurezza, risulta invece essere un cantiere rischioso, in quanto non oggetto di verifica preventiva ai fini della sicurezza aziendale.

Oltre a ciò sono naturalmente previste delle specifiche sanzioni qualora non si ottemperi alla redazione del Piano Operativo Sicurezza o nel caso si realizzi un documento non conforme ai contenuti minimi richiesti dalla norma. 

Le sanzioni possono arrivare fino ad 8.000 € con l’arresto da quattro a otto mesi per il datore di lavoro. Per consultare il riepilogo delle sanzioni, si rimanda alla specifica sezione sulla nostra home page denominata IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA – DEFINIZIONE.

Nel caso di lavori pubblici, la mancata redazione del P.O.S. può implicare l’annullamento dell’appalto all’impresa esecutrice.

registrazione pos

 Che cosa deve contenere il Piano Operativo Sicurezza per Cantiere Edile

Per poter essere utile al suo scopo, il Piano Operativo Sicurezza per Cantiere Edile dovrà contenere tutta una serie di informazioni necessarie e stabilite da norma:

A livello più specifico, esso conterrà:

  • I dati generali riferiti al cantiere;
  • Gli elementi identificativi dell’impresa che eseguirà i lavori;
  • Le mansioni che riguardano la sicurezza sul luogo di lavoro (ad esempio, i nominativi di chi sia addetto all’antincendio, all’evacuazione e così via);
  • La descrizione precisa dell’attività che verrà svolta nel cantiere;
  • La descrizione delle modalità organizzative del cantiere;
  • L’elenco delle attrezzature, dei ponteggi, delle macchine e degli impianti utilizzati;
  • La lista delle sostanze e dei preparati che saranno ritenuti rischiosi o pericolosi;
  • La lista dei dispositivi di protezione individuale che siano stati forniti agli operai;
  • Gli esiti riferiti alle valutazioni per il rumore e le vibrazioni prodotte;
  • La documentazione che si riferisca alla formazione e all’informazione che siano state fornite agli operai che siano occupati in cantiere;
  • Una valutazione generale dei rischi possibili durante lo svolgimento dei lavori e le misure preventive e protettive adottate.

Tutti questi elementi, dovranno essere inseriti nel Piano Operativo Sicurezza per il Cantiere Edile.

REGISTRATI E OTTIENI IL TUO PIANO OPERATIVO SICUREZZA ONLINE